Doctor Who: oggi 12 anni fa conoscevamo River Song nella Biblioteca

Il 31 maggio 2008 andava in onda per la prima volta “Le ombre assassine“, e così la storia di Doctor Who cambiava per sempre. Conoscevamo la Biblioteca, i Vashta Nerada, ma soprattutto River Song. Uno dei protagonisti più amati della serie tv, e oggettivamente il personaggio che si fa porta voce della capacità di scrittura di questa serie incredibile. Un animo ribelle, un cuore pulsante, un enigma che respira. Oggi, 12 anni fa, conoscevamo River Song nella Biblioteca: Doctor Who stava cambiando.

Quarta stagione, episodio 8. La canzone del Decimo Dottore sta per finire e c’è qualcosa, nell’aria, che profuma di mistero. L’avevamo capito quasi subito, che quel personaggio eclettico e misterioso, si sarebbe aggrappato alla serie e non l’avrebbe più lasciata andare. Alla fine del doppio episodio, non vedevamo l’ora di scoprire chi era River Song, ma non sapevamo che avremmo dovuto aspettare almeno un’altra stagione e mezza. L’introduzione di River Song in Doctor Who ha gettato le basi narrative delle due stagioni successive. River Song, per un momento, è diventata il fulcro di Doctor Who ancor più del Dottore. Ciò che Doctor Who ha fatto con il suo personaggio, ha dato una lezione di sceneggiatura alla televisione intera.

Se seguite la serie da un po’, e ora state pensando alla Biblioteca, alle manette e al diario blu TARDIS, probabilmente avete i brividi. Questo è quello che fa Doctor Who, fa venire i brividi.

QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU DOCTOR WHO, NON CONTINUARE A LEGGERE SE NON HAI ANCORA VISTO LA SERIE.

Doctor Who: River Song nella Biblioteca

Pianeta Biblioteca, 51esimo secolo. River Song entra in scena pronunciando le sua prime parole in assoluto:

Ciao, dolcezza.

doctor who river song biblioteca

L’episodio è particolare, intenso. Si svolge su due piani narrativi, nella Biblioteca e nel database creato da CAL. Il Dottore e Donna sono faccia a faccia con i Vashta Nerada, creature che si muovono nell’oscurità e che si manifestano con una doppia ombra. Certamente, almeno una volta, vi sarà successo di contare il numero delle vostre ombre in terra. Qui entra in gioco il gruppo di archeologi, capitanato dalla Professoressa River Song. Qui la trama prosegue, e se state leggendo questo articolo, la conoscete molto bene. River conosce il Dottore, ma lui non conosce lei. River Song appartiene al suo futuro, e poichè entrambi viaggiano nel tempo, sono destinati a non incontrarsi nell’ordine giusto.

Alla fine della rocambolesca avventura, River si sacrifica per salvare tutti. In questo modo la serie eclissa il personaggio del momento, nell’episodio in cui lo introduce. Questo è Doctor Who. Ma il Dottore lo sa, e lo sapevamo anche noi, che River sarebbe tornata.

Quando corri con il Dottore pensi che non debba finire mai, ma per quanto tu possa provarci, non puoi correre per sempre. Tutti quanti sappiamo che dobbiamo morire e nessuno lo sa meglio del Dottore. Ma io sono sicura che tutti i cieli di tutto l’universo cadrebbero nell’oscurità se lui, un giorno, anche solo per una volta, lo accettasse. Tutti sappiamo che dobbiamo morire, ma non ogni giorno, non oggi. Ci sono giorni speciali, giorni davvero molto fortunati. Ci sono giorni in cui non muore nessuno. E ogni tanto, anche se molto molto raramente, diciamo un giorno su un milione, quando il vento soffia leggero e il Dottore risponde alla chiamata, tutti vivono.

Mentre guardiamo la serie per la prima volta, non possiamo renderci totalmente conto di alcune scelte narrative. La vera bellezza di questa serie tv, quella più intrinseca, quella più viscerale, risiede nella seconda, nella terza visione. Questo episodio ha segnato tantissimo. Ha introdotto un personaggio che in seguito avrebbe ucciso e sposato il Dottore. Una protagonista che è la figlia, di un personaggio che il Dottore deve ancora incontrare. Guardare River Song nella Biblioteca e pensare che è la figlia di Amy e Rory, ci fa emozionare. River saluta il Dottore, e gli dice di guardarli correre. Questo è quello che faranno in futuro.

River Song, archeologa, moglie, figlia

Il Dottore odia chi gli ruba la scena, odia chi è più intelligente di lui, odia non sapere, ma soprattutto odia gli archeologi.

Io viaggio nel tempo. Me li mangio a colazione gli archeologi.

D’impatto, River Song non è certo il prototipo di persona che il Dottore possa amare. Eppure, per uno strano scherzo del destino, diventerà proprio quel prototipo. Diventerà la moglie del Dottore.

Lui vorrebbe leggere nel suo diario, ma non lo fa. Lei vorrebbe lasciarsi sfuggire qualcosa, ma non lo fa. Per dimostrare tutto il dimostrabile possibile, si avvicina a lui e gli bisbiglia nell’orecchio il suo nome. Era stato lui a rivelarglielo, e nello stesso modo. Quando durante il loro matrimonio fu lui a bisbigliarlo nelle orecchie di lei.

So che è complicato. Ma ancor più che essere complicato, è profondamente magico. Avevamo capito da questo primo episodio, che la timeline di River Song sarebbe stata tanto fascinosa quanto vertiginosa. In questo articolo potete trovare l’elenco degli episodi di Doctor Who, vissuti secondo la linea temporale di River. Un elenco di riferimenti che ripercorrono ben 6 stagioni di Doctor Who, e che letti nel giusto ordine rendono ancora più godibile la scrittura di questa serie. Una sceneggiatura che continua a completarsi, che episodio dopo episodio torna al punto di partenza. Una trama complessa che arriva sempre dove sapevamo sarebbe arrivata, e lo fa con precisione. Senza dubbi, senza teorie. Doctor Who è una delle serie tv meglio scritte, e la timeline di River Song ne trattiene il premio per suo conto.

Non importa che direzione prenderà lo show. River Song nella Biblioteca sarà per sempre uno degli apici più significativi di Doctor Who.

River Song in Doctor Who: molto più della Biblioteca.

La moglie del Dottore si presenta a tutti noi in una tuta da astronauta, anticipandoci il suo destino. Quando affronterà il Dottore ai piedi del lago Silencio e sparerà. Forte e chiaro.

E questo episodio, anche se in modo velato, sarà per sempre uno dei più citati dello show. Trovando la sua citazione massima a Darillium, di fronte alle Torri Cantanti. Poco prima di sacrificarsi, River Song ricorda i 24 anni passati su Darillium. Quando lui si presentò a lei con un nuovo taglio e un completo nuovo. Un’idea che avrà un’immagine associata, solo 10 anni dopo. Personificata da un Dottore, due rigenerazioni più tardi di quello dell’episodio. Un intreccio narrativo sofisticato, esempio massimo della raffinatezza narrativa dello show.

River Song dice al Dottore che in futuro sarà in grado di aprire le porte del TARDIS con uno schiocco di dita. Da quel momento in poi lui smetterà di utilizzare una chiave.

Ci sarà sempre spazio per River Song in Doctor Who, un personaggio apparso e morto in una Biblioteca. Nato su un asteroide e cresciuto in un orfanotrofio. La compagna di classe dei suoi genitori. La moglie del Dottore, l’assassina del Dottore. Archeologa. Una donna, che delle donne, raccoglie ogni pregio. Un essere umano, che degli esseri umani, raccoglie ogni pregio.

La protagonista femminile di Doctor Who.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *