Doctor Who: 12 curiosità sul Dottore di Matt Smith

Matt Smith è stato l’interprete dell’Undicesimo Dottore in Doctor Who. Una delle incarnazioni più amate e apprezzate, nonostante sia arrivata subito dopo l’addio di David Tennant. Molte curiosità avvolgono il suo personaggio, e forse ce n’è qualcuna che ancora non conosci.

doctor who matt smith
L’Undicesimo Dottore di Matt Smith
  • Matt si presentò al provino della serie quasi per gioco, non aveva mai visto nemmeno un episodio di Doctor Who. Il suo nome, tra l’altro, venne aggiunto ufficialmente solo il giorno prima dell’inizio delle audizioni.
  • Fu uno dei primi a fare il casting presentandosi davanti a Steven Moffat, lo showrunner della quinta stagione. In seguito Moffat ha dichiarato che pur avendo visto altre tantissime facce, il ruolo “era sempre appartenuto a Matt”.
  • Matt aveva già incontrato Steven Moffat ai provini di Sherlock, dove si era presentato come Watson. Moffat è stato lo showrunner e autore di Sherlock e di Doctor Who contemporaneamente. Disse che la sua personalità eccentrica era più adatta al personaggio di Sherlock, per cui però avevano già preso Benedict Cumberbatch.
  • Quando Matt si accorse di essere appena diventato il nuovo Dottore, corse a casa e si dedicò ad una maratona infinita di Doctor Who, partendo dalla Serie Classica. E incoronando alla fine il Secondo Dottore il suo Dottore preferito.
  • Fu proprio lui a proporre di inserire il papillon nel suo outfit, per omaggiare il tipico abbigliamento del Secondo Dottore. Nonostante inizialmente Steven Moffat non fosse d’accordo, alla fine decise di appoggiare l’attore. Oggi il papillon è uno dei simboli più iconici di Doctor Who.
Il Secondo Dottore negli ultimi anni ’60

Matt Smith in Doctor Who

  • Dopo solo un mese dall’esordio di Matt Smith come Undicesimo Dottore, la vendita dei papillon aumentò del 94% in Gran Bretagna.
  • Il colore del papillon di Matt Smith cambia in base all’ambientazione. Se l’episodio si svolge nel passato o nel presente è blu. Se invece la puntata prende piede nel futuro, il papillon è rosso.
  • Il papillon divenne talmente tanto identificativo del suo personaggio, che quando il suo Dottore si rigenerò fece cadere prima in terra il cravattino, dando agli spettatori la certezza che stava per cambiare.
doctor who matt smith
L’Undicesimo Dottore si rigenera
  • Matt Smith è un ottimo calciatore, ma fu costretto ad abbandonare la carriera professionistica per un infortunio alla schiena. Decise così di cercare fortuna nel cinema. Negli episodi “Il coinquilino” (5×11) e “La potenza di tre” (7×04) l’attore da sfoggio delle sua capacità calcistiche.
  • Durante le riprese di Doctor Who, Matt Smith divenne molto amico di Karen Gillan e Arthur Darvill, interpreti di Amy e Rory. Tanto che i tre condivisero anche l’abitazione i primi tempi delle riprese. Ancora oggi, Karen è spesso ospite a casa di Matt.
  • Matt Smith venne scelto da Ryan Gosling per il suo film d’esordio alla regia, proprio dopo aver visto un episodio di Doctor Who. L’attore era in casa e mentre faceva delle faccende domestiche, ha sentito qualcosa di interessante in televisione. Era l’episodio “La Pandorica si apre” della quinta stagione, in cui Matt fa il suo monologo dalla celebre frase “Io sto parlando!”. Ryan Gosling rimase esterrefatto da quella scena e lo contattò immediatamente per un ruolo nel suo film. Alle audizioni volle che Matt ripetesse il monologo dell’episodio.
  • Matt Smith è stato l’attore più giovane di sempre a ricoprire il ruolo del Dottore in Doctor Who. Fece il suo esordio nella serie a soli 26 anni.

Quello di Matt Smith è senza dubbio uno dei Dottori più amati di Doctor Who. Dolce e comprensivo, ma anche vendicativo e burrascoso. Un personaggio complesso, reso al meglio da un’interpretazione incredibile.

In questo articolo potete leggere invece delle curiosità sul Dottore di David Tennant, il decimo attore ad aver interpretato il ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *