Le serie tv cult che ogni fan della fantascienza dovrebbe vedere

Inizio con il proclamarmi grande amante del genere, giustificando già da adesso eventuali descrizioni melense di serie tv che mi hanno profondamente colpita. Ci sono quelle serie tv di fantascienza che non solo sono riuscite a diventare cult del genere, ma sono riuscite a diventare cult e basta. Oggi vi parlo proprio di questi show, prendendo in considerazione le recensioni della critica e del pubblico, ma soprattutto l’impatto culturale che hanno avuto nel tempo.

Negli ultimi anni il genere sci-fi si è finalmente mosso dalla sua postazione di nicchia, arrivando a coinvolgere e incantare una scala molto più vasta di pubblico. Ciò che mi ha sempre affascinata, e che continua a stupirmi, è spesso il grande valore emozionale di questi prodotti. Show dove la scienza e la tecnologia sono strumenti per raccontare la vita in un senso quasi bambinesco. La curiosità per il diverso, l’accettazione dei propri limiti alla scoperta di realtà distanti, l’entusiasmo dell’esplorazione e dell’avventura. Storie che raccontano di vite ed esperienze spesso straordinarie, ma sempre capaci di ricordarci qualcosa della nostra umile vita sulla Terra. Ci sono poi, in tutta onestà, degli show che questo genere l’hanno inventato e reinventato negli anni. Serie tv cult della fantascienza la cui visione dovrebbe, secondo me anche per legge, essere obbligatoria per ogni fan del genere.

STAR TREK

Alcuni dei protagonisti di Star Trek

Che voi lo vogliate o no, sto parlando proprio della serie originale dell’universo, andata in onda dal 1966 al 1969. Sviluppandosi tra il 2266 e il 2269, la serie racconta una realtà che noi dovremmo vivere tra circa 250 anni. La nave USS Enterprise è una delle astronavi più celebri nella storia della fantascienza e ha portato i nostri protagonisti alla scoperta di realtà incredibili. In un futuro fin troppo ottimista, gli esseri umani convivono e collaborano con innumerevoli razze aliene. Lo spirito che caratterizza principalmente la serie è proprio questo: il valore di conoscere senza possedere. Passare, osservare, comprendere, imparare, sopravvivere e tornare a bordo per arrivare, ancora una volta, “spavaldamente là dove nessun uomo è mai giunto prima”.

Ora vi dico due cose. Tra tutte, consiglio queste tre stagioni innanzi tutto perchè sono le prime. Perchè hanno fatto nascere un progetto quasi impossibile da scrivere e realizzare negli anni ’60. Star Trek è una serie tv cult della fantascienza perchè ha inventato il genere così come lo conosciamo oggi e perchè ha dato origine ad un universo espanso che ancora oggi viene arricchito da film e show del nostro cinema. E consiglio queste prime stagioni, in secondo luogo, perchè è interessantissimo guardare com’era la televisione prima del green screen, quando i mostri erano attori con maschere e le scenografie erano di carta pesta.


X-FILES

Mulder e Scully in X-Files

Gli agenti Dana Scully e Fox Mulder lavorano sui così chiamati X-Files, casi bizzarri e situazioni scomode a cui nessuno riesce a dare una spiegazione. Questo perchè, quasi sempre, la spiegazione non vuole essere data o accettata. La scettica Scully dovrà ricredersi su molte cose lavorando con Mulder, imparando a credere in eventi straordinari. Sono tantissime le creature che abbiamo imparato a conoscere guardando questi episodi, che hanno preso la fantascienza e l’hanno catapultata sul nostro pianeta. Avvicinandoci così al mito degli alieni e del soprannaturale, coinvolgendo anche spettatori totalmente lontani dal genere. I complotti internazionali e i segreti di stato della serie, hanno appassionato una fetta di pubblico enorme rivelando X-Files una delle serie tv di maggior successo di sempre.

Puoi riconoscere la sigla dello show anche se non hai mai visto neanche una puntata. La storia è stata la vera icona sci-fi degli anni ’90, portando al successo anche i due interpreti principali. In particolar modo, la Dana Scully di Gillian Anderson ha influenzato massicciamente la pop culture del momento. Grazie al suo ruolo, moltissime donne in quegli anni hanno aderito a studi in campi scientifici dando vita a quello che oggi chiamiamo “effetto Scully”.


FRINGE

serie tv cult fantascienza
Olivia Dunham in Fringe

La prossima serie tv cult della fantascienza è Fringe, che dal 2008 al 2016 ha ripercorso i passi di X-Files, tornando dove lo show era già stato 15 anni prima. E proprio con lo stesso principio, la divisione Fringe si occupa di venire a capo di eventi soprannaturali con studi scientifici e indagini sul campo. Ciò che però caratterizza e rende speciale questo show è l’esistenza di una seconda realtà. Esiste difatti un universo molto simile al principale, dove ogni personaggio può riscoprire una diversa versione di se stesso. Piccole scelte e piccoli cambiamenti hanno portato la stessa persona, in due mondi diversi, a percorrere una vita divergente.

Ogni attore ha avuto la possibilità di interpretare due diverse trasposizioni del suo personaggio, portando lo show ad una carica emozionale assoluta. Le due realtà venivano identificate con un intro di colore turchese e una di colore rosso. All’inizio dell’episodio potevi già sapere in quale dei due universi si sarebbero ambientati i fatti per i successivi quaranta minuti. Fringe è un prodotto unico nel panorama seriale, una serie tv che ha riscritto la fantascienza con termini totalmente nuovi.


LOST

serie tv cult fantascienza
I protagonisti di Lost

I numeri di Lost e i segreti di Lost hanno tenuto incollato allo schermo metà mondo. Quando gli episodi uscivano una volta a settimana, molto prima del binge watching, dopo ogni puntata di Lost i fan avevano una settimana di tempo per confrontarsi sulle varie teorie di trama. Lo show ha avuto una capacità indiscussa di unire le persone nella visione diventando meritatamente un vero e proprio fenomeno. I sopravvissuti del volo Oceanic 815 hanno cercato di riscoprire la vita su un’isola deserta cercando disperatamente di tornare a casa. Tutto ciò che accadrà in seguito sarà puramente fantascienza. Lost è stato lo show che per eccellenza ha saputo portare il genere sci-fi nelle case di tutti, a cena, quando passandosi le cotolette le persone si chiedevano se il cane sarebbe sopravvissuto fino alla fine.

Lost è un must per ogni fan delle serie tv in genere, a maggior ragione se ami la fantascienza. Una visione che non può lasciarti indifferente ma che ti assorbirà episodio dopo episodio, cambiando la tua percezione della televisione stessa.


DOCTOR WHO

serie tv cult fantascienza
Il TARDIS atterra su un pianeta alieno

Doctor Who è la serie tv cult di fantascienza per eccellenza. Il primo episodio dello show andò in onda nel 1963, dopo alcune rocambolesche dinamiche che vanno a scomodare persino il presidente Kennedy, ma questa è un’altra storia (e un altro articolo). La serie tv sci-fi che è nata quando ancora non esisteva neanche Star Trek, racconta le avventure di un misterioso individuo che si fa chiamare semplicemente Dottore. L’alieno in questione ha sembianze decisamente umane e viaggia nel tempo e nello spazio con il suo TARDIS, una macchina senziente a forma di cabina blu della polizia inglese, che è più grande all’interno. Il protagonista trascina con sè molti nuovi amici, per lo più terrestri, viaggiando per le galassie alla ricerca di civiltà da aiutare.

Lo show è andato in onda dal 1963 al 1989, in seguito venne riproposto con successo nel 2005. Non è assolutamente necessario recuperare la Serie Classica per guardare quella contemporanea. Nonostante gli episodi siano a tutti gli effetti continuativi, storia dopo storia ogni passaggio fondamentale della trama viene ripreso e ripetuto, per poter essere compreso anche da chi non ha mai visto le altre puntate dello show. Il protagonista però è sempre lo stesso dagli anni ’60, nonostante gli attori che l’hanno interpretato sono stati per ora 14. Il Dottore può infatti rigenerarsi, ovvero cambiare il suo corpo in punto di morte, senza però perdere la memoria o le sue caratteristiche principali.

Con quasi sessant’anni di programmazione, Doctor Who è la serie tv più longeva al mondo, ma non solo. Si tratta della serie tv di fantascienza più seguita e redditizia al mondo in termini di ascolti televisivi, vendite di libri, fumetti e DVD e traffico su I-Tunes. Insomma: un cult.


BATTLESTAR GALACTICA

serie tv fantascienza cult
I protagonisti di Battlestar Galactica

Battlestar Galactica è l’ultima serie cult di fantascienza di cui parleremo. Il classico pretesto della migrazione di superstiti umani verso un nuovo mondo abitabile viene ripreso in questa serie, acclamata da sempre per la sceneggiatura e la regia. Valore aggiunto legato agli interpreti che l’hanno animata e resa tale. Dei personaggi indimenticabili che hanno saputo dare uno spessore emotivo non indifferente alle vicende, portando uno sci-fi per definizione a un’esperienza visiva empatica ed emotiva. Parliamo di sci-fi per definizione perchè Battlestar Galactica rappresenta il prodotto fantascientifico per eccellenza. Ambientazione spaziale e astronave militare, tecnologie schiavizzate e intelligenti che si ribellano alla razza umana, armi esplosive, inganni e scontri a fuoco epici.

Battlestar Galactica ha ricevuto un plauso unanime di critica e pubblico, come non si era mai visto negli ultimi tempi per una serie allo stereotipo della fantascienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *